Tumore colon nuove cure con virus oncolitico

Possibilità di nuove cure per il tumore al colon grazie ad un virus che può uccidere le cellule cancerose. Il virus oncolitico utilizzato nella fase di sperimentazione preclinica è il CF33, il quale insieme all’inibizione del checkpoint anti-PD-L1, può dare un’immunità antitumorale duratura, anche nei casi dei tumori più critici.…Leggi l'articolo intero

Prugne secche alimenti per le ossa

Le prugne secche sono alimenti utili alle ossa: in base ai risultati di esperimenti hanno mostrato che aiutano a prevenire completamente la perdita ossea e a ripristinare parte dell’osso nei casi di lesioni del midollo spinale. Questi dati non fanno altro che confermare quello che era stato osservato in precedenti…Leggi l'articolo intero

Acufeni nuovi rimedi

Un nuovo rimedio per gli acufeni è stato studiato all’Università del Minnesota e consiste nell’applicazione della tecnica di neuromodulazione bimodale. E’ un trattamento non invasivo che prevede l’impiego di un dispositivo che abbina suoni e piccole scosse elettriche sulla lingua. Lo studio è stato pubblicato su Science Translational Medicine e…Leggi l'articolo intero

Cellule tumorali immortali

Una scoperta importantissima ha individuato il meccanismo che permette alle cellule tumorali di non morire e diventare “immortali”. I ricercatori dell’Università di Montreal con avanzate tecniche di microscopia molecolare, hanno trovato la mutazione che fa sì che l’enzima telomerasi resti sempre attivo, consentendo in questo modo alla cellula di continuare…Leggi l'articolo intero

Inventore Amuchina

L’Amuchina fu scoperta per caso dall’ingegnere elettrotecnico pugliese Oronzio De Nora nel 1923. Oronzio De Nora, nato al Altamura, scoprì che l’ “ossicloruro elettrolitico” era efficace per disinfettare e cicatrizzare le ferite. Come racconta Francesca Olivini, curatrice dell’Area Materiali del Museo della Scienza e tecnologia a Milano, l’ing. De Nora si…Leggi l'articolo intero

Fermare invecchiamento

Riuscire a fermare l’invecchiamento è il sogno di tutti. Su National Academy of Sciences è stata pubblicata la scoperta che la pianta Pinus longaeva custodisce il segreto della longevità. Il Pinus longaeva (Methuselah – “pino di setola”) è un albero tipico degli Stati Uniti sudoccidentali ed è l’organismo più antico…Leggi l'articolo intero

Alzheimer nuove scoperte

Nuova importante scoperta per l’Alzheimer: una molecola blocca la malattia e “ringiovanisce” il cervello. La scoperta è della Fondazione EBRI Rita Levi-Montalcini ed i ricercatori italiani hanno già effettuato con successo i test sui topi. La speciale molecola è un anticorpo che si chiama A13 ed è in grado di…Leggi l'articolo intero

Sclerosi Multipla: scoperte cellule che la causano

All’Università di Zurigo, il ricercatore italiano Edoardo Galli ha guidato lo studio che ha portato alla scoperta delle cellule che fanno sviluppare la Sclerosi Multipla. Le cellule identificate si trovano nel sangue e si chiamano “T Helper“; dal sangue passano al sistema nervoso centrale e causano l’infiammazione e i danni…Leggi l'articolo intero

Epatite B nuove scoperte per cure

L’Epatite B è una malattia causata da un virus a DNA appartenente al genere degli Orthohepadnavirus, della famiglia degli Hepadnavirused. Il virus molto contagioso, causa un’infezione acuta del fegato. Sono molti i malati cronici nel mondo (si stima più di 250 milioni). Medici ricercatori dell’Irccs Ospedale San Raffaele e dell’Università…Leggi l'articolo intero

I ricercatori negli Stati Uniti hanno scoperto un anticorpo in un paziente che protegge i topi da una vasta gamma di virus dell’influenza letali. Potrebbe essere il primo passo per un vaccino “universale” e per avere trattamenti migliori in caso di malattie influenzali gravi. Lo studio è stato condotto da…Leggi l'articolo intero