Le persone che soffrono di mal di schiena persistente o di mal di testa persistente hanno più probabilità di soffrire di questi due disturbi associati. In uno studio pubblicato sul Journal of Headache and Pain si è trovato un collegamento fra questi due sintomi.

I ricercatori della Warwick Medical School, finanziati dal National Institute for Health Research (NIHR), hanno condotto una revisione sistematica di quattordici studi con un totale di 460.195 partecipanti che tentano di quantificare l’associazione tra mal di testa persistente e lombalgia persistente. Hanno trovato un’associazione tra avere mal di schiena persistente e avere mal di testa persistente (cronico).

Questi pazienti hanno una o due volte in più la probabilità di sperimentare entrambi i disturbi.

In chi soffre di emicrania l’associazione è ancora più forte.

I ricercatori hanno osservato persone con disturbi cronici di cefalea (chi soffre di mal di testa quasi tutti i giorni per almeno tre mesi) e persone con lombalgia persistente (che hanno dolore ogni giorno). Sono i disturbi più diffusi fra la popolazione mondiale e sono causa di disabilità.

Infatti circa una persona su cinque ha mal di schiena persistente e una su 30 ha mal di testa cronico. I ricercatori stimano che poco più di una persona su 100 (o ben oltre mezzo milione di persone) nel Regno Unito hanno entrambe.

Il professor Martin Underwood, della Warwick Medical School, ha dichiarato: “Nella maggior parte degli studi abbiamo scoperto che le probabilità erano circa il doppio – in entrambi i casi, si ha circa il doppio delle probabilità di avere mal di testa o lombalgia cronica in presenza dell’altro disturbo. Il che è molto interessante perché in genere questi sono stati visti come disturbi separati e quindi gestiti da persone diverse. Ma questo fa pensare che potrebbe esserci, almeno per alcune persone, un po’ di comunanza in ciò che sta causando il problema.”

“Potrebbe esserci qualcosa nella relazione tra il modo in cui le persone reagiscono al dolore, rendendo alcune persone più sensibili sia alle cause fisiche del mal di testa, in particolare all’emicrania, sia alle cause fisiche nella parte posteriore, e come il corpo reagisce a questo e come ne diventi disabile. Potrebbero esserci anche modi più fondamentali nel modo in cui il cervello interpreta i segnali del dolore, quindi la stessa quantità di input nel cervello può essere percepita in modo diverso da persone diverse.”

Alla luce di ciò si può pensare ad un approccio diverso nel trattamento di questi sintomi.

Fino ad ora sono previsti trattamenti diversi per i pazienti con emicrania persistente, che si basano più su terapie farmacologiche, mentre quelli previsti per il mal di schiena si concentrano maggiormente sull’esercizio fisico e sulla terapia manuale; inoltre approcci cognitivi comportamentali e di supporto psicologico sono abbinati a chi è particolarmente disagiato dal disturbo. Secondo i ricercatori anche per chi convive con il mal di testa cronico questi tipi di sistemi di supporto comportamentale possono aiutare.

Il professor Underwood ha aggiunto: “Un approccio comune sarebbe appropriato perché ci sono trattamenti specifici per il mal di testa e le persone con emicrania. Molti dei modi in cui affrontiamo il dolore muscoloscheletrico cronico, in particolare il mal di schiena, sono gestiti da un supporto aiutando le persone a vivere meglio con il loro dolore.

La scoperta di questa relazione fra i due sintomi è importante per il futuro perché potrà cambiare i trattamenti basandosi sulla cognizione che c’è una causa comune. Ci sarà tuttavia ancora del lavoro da fare per capire i meccanismi alla base di questa associazione.

(Fonte: https://warwick.ac.uk/newsandevents/pressreleases/persistent_headache_or )

Lascia un commento