Fumo e solitudine

Chi è solo ha più difficoltà a smettere di fumare. La solitudine può rendere più difficile liberarsi dal vizio del fumo e ne aumenta il consumo, secondo un nuovo studio dell’Università di Bristol.

Le persone che si sentono più sole, sono anche più predisposte ad iniziare a fumare.

Robyn Wootton, uno degli autori dello studio pubblicato sulla rivista Addiction, ha dichiarato di aver trovato legami causali tra la solitudine protratta e l’aumento del vizio del fumo.

“La nostra scoperta che il fumo può anche portare a una maggiore solitudine è un tentativo, ma è in linea con altri studi recenti che hanno identificato il fumo come un fattore di rischio per una cattiva salute mentale. Un potenziale meccanismo per questa relazione è che la nicotina dal fumo di sigaretta interferisce con i neurotrasmettitori come la dopamina nel cervello, spiega Jorien Treur, altro autore dello studio.

Non è la prima ricerca che trova correlazione fra solitudine ed abuso di sostanze, ma in questo nuovo studio si è usato un approccio metodico differente. I ricercatori si sono basati sulla “randomizzazione mendeliana” per usare i dati genetici e indagare su centinaia di migliaia di persone.

Lo studio è stato condotto dal Tobacco and Alcohol Research Group (TARG), presso la School of Psychological Science di Bristol e dal Dipartimento di Psichiatria dell’Ospedale UMC di Amsterdam nei Paesi Bassi, parte del Medical Research Council finanziato dall’Unità Integrativa di Epidemiologia

(Fonte: Study finds evidence that loneliness makes it harder to quit smoking)

Lascia un commento