Astragalo proprietà antivirali

Sulle proprietà dell’Astragalo sono stati condotti diversi studi scientifici che hanno confermato un’attività antivirale, antibatterica, antiossidante e tonificante.

Il nome botanico di questa pianta officinale è Astragalus membranaceus, appartiene alla famiglia delle Fabaceae (Leguminosae).

E’ originaria della Cina ed estremo oriente, ma si è diffusa in tutte le zone temperate dell’emisfero boreale. Cresce dai 100 ai 1400 metri di altitudine e predilige boschi e zone erbose.

I suoi principi attivi, contenuti nella radice, sono:

  • Saponine (astragalosidi);
  • Polisaccaridi (astragaloglucani, astragalani, astraeterosaccaridi);
  • Glicosidi triterpenici;
  • Flavonoidi: Isoflavoni (calicosina, formononetina); Isoflavani (isomucronulatol); Pterocarpani (9-methoxyl-nissolin);
  • Steroli;
  • Amminoacidi;
  • Acidi grassi;
  • Ammine biogene (betaina, colina, GABA).

La pianta è anche nota per la sua capacità di accumulare Selenio, soprattutto nella forma di Se-metil-selenocisteina.

Proprietà antivirali e antibatteriche

L’Astragalo è conosciuto ed utilizzato come rimedio fitoterapico naturale per contrastare sindromi influenzali e raffreddori, grazie alle sue proprietà immunostimolanti conferitegli dalla presenza dei polisaccaridi.

Dagli studi condotti si è notato che l’assunzione di Astragalo incrementa i livelli plasmatici di IgM, di IgI e di AMP ciclico in pazienti con raffreddore.

Pertanto, è particolarmente consigliato nel trattamento e nella prevenzione di malattie infettive virali.

Inoltre, è usato come coadiuvante nelle malattie neoplastiche per ridurre l’immunosoppressione.

Dagli studi farmacologici effettuati si crede che l’azione immunostimolante avvenga attraverso diversi meccanismi, ovvero:

  • aumentando la produzione di immunoglobuline IgA ed IgM nelle secrezioni nasali;
  • aumentando la quantità di cellule staminali nel midollo osseo e nei tessuti linfatici;
  • potenziando l’azione dell’interferone;
  • stimolando i linfociti T e le cellule natural killer (NK);
  • sollecitando l’attività dei macrofagi e la fagocitosi;
  • aumentando la produzione di anioni superossido da parte dei macrofagi peritoneali.

Si ritiene che l’Astragalo possa potenziare anche l’attività antitumorale dell’interleuchina-2, migliorare la risposta linfocitaria e aumentare l’attività delle cellule NK in pazienti con Lupos eritematoso sistemico.

Astragalo - 20 Ampolle
Integratore alimentare – Favorisce le normali difese dell’organismo.

Voto medio su 7 recensioni: Buono

€ 20,90

Antiossidante e tonico

Altre proprietà ben riconosciute dell’Astragalo sono quelle antiossidanti e toniche, per cui è molto utilizzato nella medicina tradizionale cinese.

Questa pianta officinale, è infatti capace di aumentare la funzionalità adreno-corticalica e di elevare la soglia di resistenza ai fattori di stress.

Uno studio “in vivo” sui topi ha mostrato che inserendo l’Astragalo nella dieta, a diversi dosaggi, si garatisce una maggiore resistenza allo stress e più forza fisica (maggiore forza di presa della zampa). Si sono notate inoltre, variazioni del glicogeno muscolare ed epatico, indici legati alla resistenza fisica.

Astragalo Sambuco e Aglio Complex
Integratore alimentare utile per rinforzare le naturali difese dell’organismo

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

€ 19,90

Astragalo: studi scientifici sulle proprietà antibatteriche e antivirali delle diverse specie

Uno studio pubblicato su European Journal of Integrative Medicine ha confrontato la quantità di proprietà chimico-biologiche in diverse specie dell’Astragalo. I risultati hanno confermato che tutte le specie esaminate contenevano un mix di polifenoli, flavonoidi e tannini che ne giustificano l’impiego fitoterapico. Ma, particolarmente ricco di principi attivi è risultato l’Astragalus Boeticus usato nella medicina popolare palestinese.

Nel medesimo studio sono state testate le proprietà antibatteriche della pianta contro Escherichiacoli, MRSA, Staphylococcusaureus, Candida albicans e Pseudomonasaeruginosa. Gli estratti acquosi e metanolici dell’Astragalo hanno dimostrato attività antibatterica, antifungina e antiossidante. In special modo, l’Astragalus Boeticus ha agito come inibitore contro tutti i batteri presi in esame.

In un’altra ricerca è stato dimostrato che l’Astragalo è in grado di inibire la replicazione del virus Coxsackie B, un enterovirus in grado di provocare miocarditi e pericarditi negli esseri umani.

Un ulteriore studio è stato invece condotto su 1000 soggetti a cui è stato somministrato un estratto acquoso di Astragalo, per verificare la capacità di ridurre il decorso delle malattie da raffreddamento. I risultati hanno mostrato che dopo due mesi di assunzione orale dell’estratto, c’è stato un incremento dei livelli di IgA e IgG.

Astragalo - Huang Qi - Estratto Secco in Tavolette
Adattogeno che agisce favorevolmente sulle naturali difese dell’organismo

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

€ 17,90

Altre proprietà dell’Astragalo

La presenza di polisaccaridi e saponine dona all’Astragalo effetti epatoprotettivi, con miglioramenti delle leucopenia e delle funzioni epatiche in pazienti affetti da epatite cronica.

Svolge azione antinfiammatoria, adattogena ed aumenta la motilità spermatica.

Da uno studio è stata riscontrata un’attività fibrinolitica dell’Astragalo, che si avrebbe per la presenza dell’astragaloside, capace di favorire lo scioglimento dei coaguli di sangue, incrementando la sintesi dell’attivatore tissutale del plasminogeno da parte delle cellule endoteliali.

Altri studi hanno osservato un miglioramento della funzione del ventricolo sinistro in pazienti con angina pectoris; un miglioramento dell’indice emorragico nei pazienti con Lupos eritematoso ed un incremento di sopravvivenza nei pazienti con cancro al polmone (associando l’Astragalo alle terapie convenzionali).

Infine, si sono riscontrati miglioramenti in caso di infezioni da Herpes simplex, di cervicite da Papilloma virus tipo 16, Cytomegalovirus ed Herpes simplex tipo 2.

Astragalo usi e indicazioni

L’Astragalo viene usato in medicina fitoterapica:

  • per aumentare le difese immunitarie;
  • contro le infezioni virali;
  • per le miocarditi;
  • per i disturbi epatici e renali;
  • per fibrosi epatica;
  • per insufficienza cardiaca;
  • per l’amenorrea;
  • come diuretico;
  • come tonico antistress e antiossidante.

Pochi sono gli effetti collaterali. Ma si deve consultare il medico prima di assumerlo in caso si seguano terapie con farmaci antiaggreganti, trombolitici ed eparine.

E’ sconsigliato l’uso in gravidanza, in allattamento, per i pazienti con particolari patologie o che hanno subito trapianti d’organo.

Astragalo tossicità

E’ un integratore molto ben tollerato e non si riferiscono problemi di tossicità fino a dosi orali di 100g droga/Kg di un estratto acquoso concentrato di Astragalo, somministrati a ratti per 2 giorni.
– La DL(50) di 40g/Kg è stata valutata per iniezione intraperitoneale dell’estratto acquoso concentrato nei ratti.
– La droga non mostra effetti mutageni.

Attualmente, occorrono ancora studi più approfonditi e che possano rientrare negli standard della medicina convenzionale occidentale per poter convalidare i risultati ottenuti dalle varie ricerche.

Di certo, l’Astragalo dimostra notevoli effetti fitoterapici che destano l’interesse scientifico di molti ricercatori.

Ai seguente link alcuni degli studi pubblicati:

(Fonti bibliografiche: 
- Astragalo (Astragalus membranaceus); 
- Astragalo in Erboristeria: Proprietà dell'Astragalo
- Piante immunostimolanti)

Lascia un commento