Deforestazione danni aumento temperature

C’è una relazione diretta fra la deforestazione e l’aumento delle temperature terrestri nell’area disboscata.

Le prove arrivano da uno studio condotto in Brasile da ricercatori dell’Università di San Paolo (USP) e dell’Università di Campinas (UNICAMP).

I dati mostrano che se il 25% di un frammento di foresta pluviale atlantica di circa 1 ettaro viene disboscato, la temperatura aumenterà di 1°C. Il taglio netto dell’intero frammento aumenterebbe la temperatura locale fino a 4°C

L’autore principale dello studio, Humberto Ribeiro da Rocha, ha dichiarato: “Siamo stati in grado di rilevare gli effetti del riscaldamento del clima dovuti alla deforestazione dei frammenti della foresta pluviale atlantica, di cui ce ne sono molti nel sud-est del Brasile.”

Secondo Rocha, esistono le prove scientifiche che dimostrano che la distruzione delle foreste tropicali porta a una temperatura più calda su scala locale. Le prove si basano su misurazioni effettuate in vaste aree, principalmente da ricerche condotte in Amazzonia.

“Nessuno aveva mai prodotto informazioni dettagliate sulla deforestazione di piccoli frammenti o studi che tengono conto di diversi livelli di antropizzazione (trasformazione dell’ambiente da parte dell’attività umana)”, ha detto Rocha.

Per colmare questa lacuna di informazioni, i ricercatori hanno analizzato la relazione tra il grado di deforestazione e l’aumento della temperatura locale nei resti della foresta pluviale atlantica situata nella Serra do Mar, una catena montuosa che si estende lungo la costa settentrionale dello stato di San Paolo.

La temperatura della superficie terrestre (LST) è stata stimata utilizzando i dati sul flusso di calore registrati continuamente in tutto il mondo da sensori ottici a infrarossi come quelli a bordo dei satelliti di osservazione della Terra Landsat [NASA / USGS] .

Sulla base di questi dati, i ricercatori hanno calcolato un LST medio annuo per decine di migliaia di campioni di foresta pluviale atlantica, ciascuno con un’area di circa 1 ettaro. La copertura forestale in queste aree variava dalla totalità dell’area coperta ad aree completamente disboscate. Queste aree mostravano anche diversi gradi di antropizzazione, con un gradiente di variazione dell’1%.

Conseguenze e danni del disboscamento

L’aumento delle temperature nei frammenti di foresta disboscati influisce sulla respirazione delle piante più della fotosintesi. Ciò contribuisce anche al rilascio di maggiori quantità di carbonio dalla foresta nell’atmosfera, ha spiegato Carlos Joly, prof. all’Unicamp e coautore.

“I due processi combinati creano una sinergia pericolosa che porta a un aumento delle emissioni di carbonio dalla foresta all’atmosfera”, ha detto Joly.

Gli effetti del riscaldamento provocato dalla deforestazione nei frammenti della foresta pluviale atlantica possono variare da una specie di albero all’altra. Le specie pioniere, che sopravvivono in condizioni avverse a causa della loro elevata capacità riproduttiva, di solito mostrano una maggiore resistenza ai cambiamenti di temperatura.

Non abbiamo ancora dati sufficienti per prevedere quanto tempo ci vorrà, ma a lungo termine, l’aumento delle temperature nei frammenti della foresta pluviale atlantica a causa della deforestazione, potrebbe certamente influenzare la sopravvivenza delle specie arboree nella foresta, anche se alcune specie più di altre” aggiunge il prof. Joly.

I risultati sono pubblicati sulla rivista PLOS ONE.

(Fonti: 
- Destruction of Atlantic Rainforest Tied to Local Temperature Increases)

Lascia un commento