Scioglimento permafrost conseguenze

Lo scioglimento dei ghiacciai e più precisamente del permafrost potrebbe avere come conseguenza ondate di calore. Gli scienziati sono preoccupati per l’attuale ondata di calore nell’Artico, che sta causando il degrado del permafrost con un’ulteriore accelerazione dei cambiamenti climatici. Il metano si è immagazzinato in questo strato semighiacciato (permafrost) in
continua a leggere
Continue Reading

Zona meno inquinata al mondo

La zona meno inquinata al mondo, si trova in una piccola area della regione marina dell’Oceano Antartico. E’ una parte della Terra che non è stata intaccata dalle attività umane, seconodo lo studio condotto da Sonia Kreidenweis dell’Università Statale del Colorado insieme al suo gruppo di ricerca del Dipartimento di
continua a leggere
Continue Reading

Spiagge scompaiono per erosione

Su Nature Climate Change i ricercatori spiegano che potrebbero scomparire fino alla metà delle spiagge di tutto il mondo entro la fine del secolo. La causa è l’innalzamento del livello del mare velocizzato dal riscaldamento globale. Dunque si tratta di una previsione di netto peggioramento del fenomeno naturale dell’erosione delle
continua a leggere
Continue Reading

Ghiacci Groenlandia si sciolgono

Il ghiaccio in Groenlandia si sta sciogliendo più velocemente rispetto ai decenni precedenti. Dai risultati pubblicati su Nature si constata che la calotta della Groenlandia ha perso 3,8 trilioni di tonnellate di ghiaccio dal 1992, con conseguenza di un innalzamento del livello globale del mare di 10,6 millimetri. Più precisamente il
continua a leggere
Continue Reading

Aumento ghiacci Antartico

Su Advances in Atmospher Sciences un nuovo studio dimostra che i livelli di ghiaccio in Antartico stanno aumentando. Ciò è dovuto alla progressiva riduzione del buco dell’ozono. Il buco dell’ozono ha inciso anche sull’Antartico, infatti influenza la formazione di nuvole alle latitudini più elevate dell’emisfero meridionale, sottoponendo la superficie a
continua a leggere
Continue Reading

Sensori Nature 4.0

Grazie ad una serie di micro sensori si riesce a monitorare lo stato di salute degli alberi e dell’ambiente circostante. I dispositivi si chiamano “Tree Talker” (i sensori che fanno “parlare gli alberi“) e sono nati da Nature 4.0, una start-up di Rovereto, al Polo meccatronica. Il fondatore è il
continua a leggere
Continue Reading

CleanO2 Saponette Anidrite Carbonica

In Canada la CleanO2, una start-up con sede a Calgary, ha avuto l’idea di far produrre saponette dall’anidrite carbonica, riuscendo a riciclare gli scarti delle industrie del settore. L’anidrite carbonica prodotta dalle caldaie e dai forni delle fabbriche, utilizzando un dispositivo chiamato CARBiNX, viene trasformata in potassa da usare nei
continua a leggere
Continue Reading